La vostra protesi mobile fa male?

Spesso di tratta di decubito da protesi :

I portatori di protesi mobile vanno incontro molto spesso a problemi infiammatori a carico della base gengivale su cui appoggia la protesi stessa.
Spesso si tratta di fenomeni passeggeri, legati ad un traumatismo occasionale, come frammenti di cibo che si sono incuneati al di sotto della protesi, mentre altre volte si tratta di problemi maggiori.

Tipicamente questi problemi che noi identifichiamo come decubito da protesi mobile dipendono dalla instabilita’ della protesi stessa che si muove liberamente nella bocca durante gli atti masticatori e che occasionalmente puo’ comprimere alcune zone della bocca stessa procurando delle dolore ferite.
Queste ferite possono poi infettarsi creando maggiore disagio e talora anche infezioni piu’ gravi.

La causa di queste ferite dipende dunque dal fatto che la protesi non e’ piu’ stabile come quando era stata applicata e muovendosi liberamente tende a scaricare la pressione su alcuni punti specifici , superando la soglia di tolleranza della mucosa( gengiva).

Voglio qui illustrare un caso tipico in cui il bordo della protesi ha determinato un grave decubito con conseguente iperplasia fibrosa ( cioe’ ricrescita della gengiva) attorno al bordo stesso associata ad una ulcerazione dolorosa.

cappelli_alessandro_decubito_protesi_mobile_1.jpg
Notevole ipertrofia gengivale con ulcerazione .

cappelli_alessandro_decubito_protesi_mobile_2.jpg
Notare la coincidenza della ulcerazione con il bordo della protesi.

cappelli_alessandro_decubito_protesi_mobile_3.jpg
Sollevando la protesi si vede chiaramente come il bordo si affossa nella mucosa determinando la lesione

cappelli_alessandro_decubito_protesi_mobile_4.jpg
Per prima cosa viene scartato il bordo della protesi per eliminare provvisoriamente la causa del decubito,

cappelli_alessandro_decubito_protesi_mobile_5.jpg
quindi viene programmata una seduta chirurgica per eliminare la iperplasia fibrosa che non consente di prolungare il bordo della protesi in quella zona , con conseguente instabilita’ della stessa.

cappelli_alessandro_decubito_protesi_mobile_6.jpg
Si noti dopo la seduta chirurgica la lontananza del bordo protesico, precedentemente scartato, dal fondo della mucosa.

Si attendera’ quindi la guarigione completa e successivamente si procedera’ all’allungamento del bordo protesico precedentemente scartato ed al Ribasamento della protesi.

E’ importante che i portatori di protesi mobile sappiano che la loro protesi va’ periodicamente sottoposta ad una manutenzione perche’, contrariamente a quello che possono pensare , la bocca va’ soggetta ad un continuo rimodellamente con modifica della base mucosa su cui era stata inizialmente costruita la protesi.
In pratica la gengiva su cui appoggia la protesi viene sottoposta alle pressioni della masticazione.
Queste pressioni si scaricano sull’osso sottostante che va’ incontro ad un lento ma costante fenomeno di riassorbimento che provoca nel tempo il suo “ spianamento” e questo rende ragione delle gravi instabilita’ che si notano nelle persone che portano la protesi mobile da decenni.
E tutto questo con buona pace di quanti ingenuamente pensano che basta togliersi tutti i denti e mettersi su una bella protesi, per risolvere i loro problemi masticatori!
Quindi periodicamente bisogna compensare questo riassorbimento aggiungendo materiale alla protesi che deve quindi essere RIBASATA , cioe’ “rimbottita “per adattarsi alla nuova conformazione della bocca e quindi potere mantenere quell’intimo adattamento tra base protesica e mucosa sottostante che e’ il meccanismo che mantiene stabile la protesi stessa.