Ciao Amici, ho voluto mettere in forma di decalogo alcuni suggerimenti  sui comportamenti da evitare, che possono migliorare il vostro rapporto con il dentista!

1-Andare a farti visitare solo quando hai un dolore .

1

E’ pensiero di molti andare dal dentista solo quando si ha dolore, generalmente forte . Purtroppo però quando arrivano a farsi vedere il problema e’quasi sempre più grave e peggiorato rispetto all’inizio. In un dente cariato da tanto tempo,  la carie può raggiungere il nervo,;una gengivite trascurata può trasformarsi in parodontite e far vacillare il dente; una protesi che non aveva mai dato fastidio prima comincia a dolere alla masticazione  e cosi’via.

Pensate adesso che rinviare sia una saggia decisione ?

2-  Pensare : ho un fastidio ma aspetto che mi passi

1-bis

Qualche volta i dolori possono davvero passare spontaneamente, ma nella maggior parte delle volte tornano più forti di prima; ad esempio un dente che inizia a dare sensibilità con il freddo,  può smettere di farlo lasciandovi tranquilli e contenti.

A distanza di tempo però (anche piu’ di 1 anno)  il dolore ricompare all’improvviso, accompagnato anche da gonfiore

Il nervo, che si trovava in sofferenza,  muore andando in necrosi non registrando più gli stimoli. I batteri presenti  dentro il nervo causeranno sicuramente un ascesso.

Come pensate di agire quindi?

3-Perdere un dente e non sostituirlo

2

La perdita di un dente porta squilibrio in tutto l’ingranaggio tra i denti.

Immaginate infatti due ruote dentate di un ingranaggio in cui uno dei denti si spezza.

Gli altri denti andranno progressivamente incontro a sforzo eccessivo e con il tempo il meccanismo si incepperà.

Cosa state aspettando quindi ?

4– Ascoltare le esperienze degli altri e farle proprie

3

Molte volte può capitare che l’amico vi racconti la sua esperienza con l’odontoiatra aggiungendo  particolari “coloriti” per attirare meglio la vostra attenzione.

Infatti nessuno ascolterà per più di un secondo chi afferma  che e’ andato tutto OK, mentre invece  presterà grande attenzione alle vicissitudini, specialmente se negative.

La considerazione che si fa e’: “ siccome  il mio amico ha avuto un problema con quella procedura “(ad esempio una cura, una estrazione) , sicuramente  anche io lo avrò!”

Riflettete bene! Ogni persona  ha le sue dinamiche e le sue vicissitudini , diverse da quelle di qualsiasi altro!

E tu?Come valuti le esperienze dei tuoi amici ?   Quali sono i termini di paragone?

5-  Scegliere da chi farsi curare solo sulla base del prezzo richiesto

4

Solitamente, quando ci si rivolge al mondo medico. ci si documenta  su chi e’ quel professionista, le sue qualità e si chiedono delle referenze.

Tutti noi vogliamo il meglio per noi e per i nostri cari cerchiamo “il migliore” nel suo campo.

Per  il dentista invece il pensiero comune é “tanto sono tutti uguali e quindi vado da quello che mi fa’ spendere di meno”.

E’ una scelta.

Ma se dovessimo farci  visitare dal un dermatologo, da un ortopedico, da un ginecologo o operare da un chirurgo il vostro  ragionamento quale sarebbe?

6-  Credere che esista una  medicina per tutto

5

I grandissimi progressi in campo medico degli ultimi decenni ci portano a pensare che tutto sia possibile e che tutto sia (facilmente) guaribile, che esista per ogni cosa la giusta medicina e che basti prenderla per risolvere il problema.

Quindi per un  dolore di denti  basta prendere l’antidolorifico e /o l’antibiotico e tutto passa.

Purtroppo non e’ cosi’.

In bocca  quasi niente si risolve senza un intervento diretto del dentista e i farmaci sono quasi sempre di aiuto e supporto ma non risolutivi.

Voi come vi comportate? Siete più propensi a prendere medicine oppure ascoltate il parere dell’esperto?

7- Non seguire le istruzioni che  vi vengono date

6

Se un certo trattamento richiede anche un certo grado di collaborazione da parte vostra (es. istruzioni di igiene orale o alimentare, una terapia da seguire),  come mai non si riesce a dare continuità al trattamento consigliato?

Perche’ pensare che un antibiotico faccia meglio se preso più volte di quelle indicate o ugualmente che sia la stessa cosa se viene preso con una frequenza minore?

Spesso questi comportamenti possono compromettere il risultato delle cure!

E voi come vi comportate?  Seguite sempre con scrupolo le istruzioni che ricevete o qualche volta le “aggiustate”?

8- Non vedere il dentista come un  alleato

_ams0130

Può capitare a volte che i pazienti hanno si pongano verso il dentista con un atteggiamento di diffidenza o di ostilita’, sia come frutto di esperienze negative personali, sia come aspettativa di dolore.

Esiste e deve esistere , come per qualsiasi cura una alleanza tra medico e paziente che ha come unico obiettivo la salute della persona .

Voi come vi comportate quando siete dal vostro dentista ?

9-Fate una manutenzione regolare

8

Avete un automobile? La trattate bene ? La portate a fare il tagliando dal meccanico? La fate lubrificare e cambiate olio a scadenza? Saprete infatti che in questo modo durerà a lungo !

Il vostro sorriso che apre le porte al mondo,  come mai non siete così accorti?

Il vostro sorriso non merita le stesse attenzioni, per durare a lungo?

E voi, fate una regolare manutenzione della vostra bocca?

10-  Rimandare le cure necessarie

9

Bene, finalmente siete stati dal dentista e lui vi ha detto cosa dovete fare, vi ha trovato alcune cose che non sapevate di avere  e che potrebbero in futuro peggiorare.

La domanda esplicita (ma molto spesso implicita) che molti si fanno e’ :“ ma in fondo io non avverto nessun dolore e quindi il problema sara’ lieve, posso rimandare la cura?” Oppure (dubbiosi) : ” ma io non ho dolore , sara’ vero che c’e’ qualcosa che non va?” (ovviamente facendo la correlazione no dolore = no problema)

Rimandare le cure necessarie fino a quando il problema aumenta di gravita’, costringerà solo a correre per poi curarsi!

Anche voi pensate a che si debba andare  a curarsi solo quando il dente fa’ male?

 

Ciao amici , spero di esservi stato utile per farvi riflettere su alcune piccole cose che possono  fare la differenza.

Ho bisogno di avere dei feedback  da parte vostra per esserevi  ancora più vicino ,più preciso e puntuale.

Dott Alessandro Cappelli