Che cosa e’ la Parodontite?

In che cosa si differenzia dalla gengivite?

La Parodontite e’ una diffusa malattia del cavo orale che comporta una serie di conseguenze a carico del “parodonto” cioe’ dei tessuti che avvolgono il dente ( osso , gengiva e legamento parodontale).

cappelli_alessandro_paradontite_espulsiva_1.jpg

Senza la pretesa di essere esaustivo sulla genesi e sulla manifestazione della malattia parodontale o Parodontite , voglio in questo articolo illustrare le estreme conseguenze di una malattia parodontale non trattata in tempo.

Bisogna pero’ sapere che la malattia e’ causata da batteri e che questi conducono a infezioni e infiammazioni gengivali che hanno come risultato finale il riassorbimento , e cioe’ la “scomparsa” dell’osso che avvolge la radice.

cappelli_alessandro_paradontite_espulsiva_2.jpg

Nella foto si vede la radice di un molare dente ( una volta allontanata la gengiva) che risulta in gran parte denudata e non coperta da osso. La linea gialla disegna il livello normale di copertura radicolare da parte dell’osso.
Il risultato visibile del riassorbimento osseo puo’ essere quello di un dente piu’”lungo” perche’ la gengiva ha accompagnato l’osso nella sua discesa e la radice risulta quindi scoperta.

cappelli_alessandro_paradontite_espulsiva_3.jpg

Normalmente la radice , che sostiene il dente, e’ immersa nell’osso , a sua volta coperto dalla gengiva in modo tale che 2/3 circa della lunghezza totale del dente siano dentro l’osso , ed 1/3 , la parte visibile ) e’ fuori.

cappelli_alessandro_paradontite_espulsiva_4.jpg

Questo rapporto assicura la stabilita’ del dente in analogia a quanto accade ad un palo che ha la sua maggior parte piantata nel terreno.

Mano mano che la malattia avanza l’osso di sostegno si riassorbe e quando questo rapporto (parte del dente che e’ nell’osso e parte che ne e’ fuori) si avvicina a ½ e la conseguenza e’ che il dente comincia a muoversi in maniera percettibile dal paziente.

Se non si interviene in questa fase, la malattia progredisce fino alla scomparsa della maggior parte dell’osso di sostegno della radice, con il risultato che il dente si muove sempre di piu’ arrivando alla fine alla espulsione spontanea.

Il caso in questione illustra una situazione di questo tipo: una parodontite trascurata in cui uno dei denti ha perso tutto il sostegno osseo e viene espulso nel cavo orale , al punto che il paziente puo’ liberamente togliere il dente con le sue dita e rialloggiarlo a piacimento nella sua sede.

cappelli_alessandro_paradontite_espulsiva_5.jpg

Notate come il dente apparentemente normale puo’ essere tolto con le sole dita . Da notare anche il grado pessimo di igiene orale che e’ alla base del fenomeno,

cappelli_alessandro_paradontite_espulsiva_6.jpg

Concludendo: la malattia parodontale si puo’ e si deve curare purche’ non si aspetti troppo prima di rivolgersi ad un dentista con esperienza in questo campo, cioe’ un dentista che si occupi di parodontologia.